Giornata 5: dalla cittadina di Iglesias al Nuraghe Seruci

Dopo tanto girovagare, siamo infine giunti alla quinta e ultima giornata di questo nostro tour personalizzato del Sulcis. Tappa obbligatoria del mattino sarà la cittadina di Iglesias, una località che a dispetto delle dimensioni modeste ospita decine di attrattive di tipo architettonico e culturale. Il centro storico, in particolare, si caratterizza per i numerosi vicoli, viuzze e piazzette che conservano ancora immutate le sembianze di un tempo.

Racchiuso da mura e torri pisane medievali, il centro pullula di edifici civili e religiosi: oltre a palazzi e luoghi di interesse come la Regia Scuola per Minatori e il Vecchio Municipio, ci sono molte chiese più o meno antiche. Tra le più suggestive va annoverata senza dubbio la cattedrale di Santa Chiara, struttura con annesso il piccolo ma apprezzabile museo diocesano.

Merita una visita anche il Santuario della Madonna delle Grazie, sempre all’interno delle mura pisane.

Altri edifici notevoli presenti in centro a Iglesias sono il palazzo vescovile edificato nel XVIII° secolo, il vecchio palazzo comunale risalente al XIX° secolo, il palazzo appartenuto alla nobile famiglia Salazar del XVI° secolo e ancora il Duomo con il chiostro di San Francesco. Una delle occasioni migliori per visitare Iglesias resta però la processioni della Settimana Santa, fra le eredità più significative dell’influenza spagnola in questo angolo di Sardegna.

Un evento che, come suggerisce il nome, dura una settimana e ha una forte valenza religiosa, con un programma fitto di appuntamenti e rituali simbolici che si tramandano di generazione in generazione. Immergersi in questa festa è un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita, anche solo per una singola giornata della settimana.

Chiedeteci indicazioni in merito e saremo lieti di spiegarvi tutto: orari, giorni e altri dettagli utili!

Grotta di Santa Barbara e vecchia Tonnara di Porto Paglia

La giornata prosegue con la visita alla Grotta di Santa Barbara (da prenotare con almeno un giorno di anticipo) all’interno della miniera di San Giovanni di Bindua: si tratta di una formazione geologica di straordinario fascino, che è possibile esplorare tramite un trenino motorizzato e un’ascensore previo acquisto di un biglietto di ingresso. Per pranzo, visto che siete in zona, potrete fare un salto alla nostra locanda e gustare un bel menu a base di piatti della tradizione.

Al pomeriggio consiglio una visita all’Antica Tonnara di Porto Paglia, ex villaggio di pescatori del tonno rosso risalente al 1600. Fra le altre cose vale la pena soffermarsi sulla Torre Aragonese, nella zona sud della Marina di Gonnesa. La destinazione offre anche l’opportunità di cimentarsi con il kayak o la canoa, o semplicemente di godersi un bel bagno nel mare blu!

Il Nuraghe di Seruci, il piu’ grande della Sardegna

Non molto distante dalla Vecchia Tonnara si trova il Complesso Nuragico di Seruci, sito archeologico che si estende su una superficie di sei ettari e come tale risulta uno dei più grandi dell’intera Sardegna. Individuato per la prima volta nel 1897, è stato oggetto di scavi e lavori di recupero in più occasioni, l’ultimo dei quali risale a pochi anni fa.

Oggi il Nuraghe di Seruci è una meta da non perdere, perso in mezzo al nulla e quasi abbandonato a se stesso ma proprio per questo fuori dalle solite mete più battute.

Un tesoro per gli appassionati di archeologia e storia, ma anche per chi ama avventurarsi alla scoperta di un passato misterioso e solenne.

Ormai è arrivata la sera e forse è giunta anche l’ora di mettere qualcosa sotto i denti: risalite quindi in macchina e tornate alla nostra Locanda per una cena sfiziosa preparata con ingredienti freschi, genuini e locali!

Si conclude qui l’ultimo capitolo del tour di 5 giorni del Sulcis.

Mi auguro con tutto il cuore che i contenuti raccolti e condivisi siano stati di vostro gradimento.

Non mi resta che augurarvi il meglio, con la speranza di avervi presto fra i nostri ospiti per un week end all’insegna della buona cucina, dello svago e del divertimento!

Leave a Comment